La sindrome di Hermione: una spiegazione sul perché le ragazze vincono a scuola e perdono al lavoro

school hermione sharing competencies

Perché le ragazze sovrastano sistematicamente i ragazzi nel rendimento scolastico, ma poi soccombono nella corsa ai posti che contano nel mondo del lavoro? La domanda può sembrare provocatoria, visto che le discriminazioni di genere, le molestie sessuali e le varie forme di prepotenza sperimentate con successo dagli uomini nei secoli hanno un peso evidente nella distribuzione del potere sui luoghi di lavoro del 2019. Ma la psicologa americana Lisa Damour propone sul New York Times una spiegazione in più: oltre al gender gap, c’è un confidence gap su cui le donne, gli insegnanti e i genitori di bambine possono e devono lavorare.

 

Lo spunto gliel’ha dato un’inchiesta di The Atlantic, da cui emerge che sul lavoro «gli uomini sottoqualificati e impreparati non ci pensano due volte prima di tuffarsi», mentre «pur iperqualificate e strapreparate, molte donne si frenano. Le donne hanno fiducia in se stesse solo quando sono perfette». Questa è la frase chiave, e richiama le esperienze di molti genitori, alle prese con figli maschi che a scuola fanno giusto il necessario per non avere gli adulti sul collo e figlie femmine che invece «ci danno dentro di continuo, determinate a non lasciare spazio all’errore».

 

Damour si chiede: e se la scuola fosse una fabbrica di fiducia per i maschi e una fabbrica di competenzaper le femmine? I ragazzi imparano generalmente a cavarsela con poco, e a mettere alla prova le proprie capacità anche quando sono scarse: sfangarla a scuola senza ammazzarsi di fatica dà loro l’idea che le difficoltà della vita non siano insuperabili e che comunque vale la pena provarci anche quando non si è al top. Le ragazze rischiano di fidarsi poco delle proprie capacità perché tendono a pensare di poter ottenere risultati soltanto con il massimo sforzo intellettuale, e questa auto-condanna al perfezionismo impedisce loro di capire che tra l’eccellenza e il fallimento ci sono fantastiche vie di mezzo.

Che fare allora, per stimolare sia la fiducia sia la competenza? Intanto, suggerisce Damour, smettiamo di elogiare le nostre figlie per i loro eccessi di fatica, anche se le portano a ottimi voti. Hermione, l’amica di Harry Potter, non è un buon esempio quando scrive saggi lunghi il doppio del richiesto. Se le bambine imparano una sana «economia dello sforzo», da studentesse universitarie — e da lavoratrici — saranno molto meno ansiose. «È ora di suggerire loro un po’ di tattica, in modo che capiscano come continuare a studiare e a prendere gli stessi voti facendo un pochino di meno».

Gli insegnanti, da parte loro, possono aiutare le ragazze inutilmente secchione (ma anche i ragazzi che si comportano in modo simile) a capire che quello hanno fatto è già abbastanza, che hanno una padronanza delle questioni maggiore di quella che loro stesse si accreditano. E poiché «spesso sono ansiose anche riguardo al fatto di essere ansiose», va spiegato loro che l’ansia è normale e fino a un certo punto utile, perché indica che ci tengono e tenerci è giusto. Ciò che non è «né sano né sostenibile», anche per le studentesse e gli studenti più devoti, è «andare a velocità massima in tutte le materie e sempre».

È chiaro che anche il confidence gap, l’insicurezza di fondo, è un retaggio della sottomissione millenaria. Ma mentre combattiamo tutte le forme di discriminazione più visibili, cominciamo a dire alle nostre figlie che se devono studiare 20 pagine, non c’è nessuna ragione perché ne facciano 50.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

REGISTRATI

E' GRATIS !!