COME SCRIVERE UN CV PERFETTO

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Photo by Lukas from Pexels

Volete cambiare lavoro e preparare un CV perfetto per essere notati e richiamati dai recruiter? Bene, vi sveliamo un segreto: non è possibile.

Non è possibile perché tra voi e quell’azienda che cerca una persona da assumere non c’è solo quel CV perfetto, c’è in genere una persona. Un recruiter o qualcuno dell’HR.

E questo comporta discriminazione, anche se spesso involontaria.

Anche se il vostro CV avrà un font accattivante, con la vostra foto migliore scattata alla cresima del nipote di zia Maria, interlinee proporzionate e palette di colori selezionata direttamente da Giotto, non andrà mai bene.

Il problema è che pur avendo voi la maggior parte delle competenze che l’azienda ricerca, avrete sempre qualcosa che non va: Domicilio in un’altra città, esperienza in un settore diverso, troppo giovani, troppo vecchi, percorso di studi non inerente…tutte discriminazioni involontarie che giornalmente i recruiter affrontano. Non arrivano nemmeno a leggerle le competenze, non tutti per lo meno. E io non li biasimo, d’altro canto gli è stata commissionata una ricerca con criteri precisi, e di sicuro non possono ribellarsi perché sarebbero poi costretti anche loro a cercare un altro lavoro e mandare quel CV ad un altro recruiter che li scarterà.

Un anno fa, stremata dall’invio di CV per i quali mettevo la stessa dedizione che ci mette Carlo Cracco quando prepara il suo uovo, ho deciso di scrivere QUELLO PERFETTO.

Prendevo l’offerta di lavoro e copiavo palesemente tutte le competenze che ricercavano. Della serie “non possono non chiamarmi“. Ho fatto così per ben 34 volte, e vi assicuro che è stato un lavoraccio. 

Risultato: NESSUNA CHIAMATA. NESSUNA. Nemmeno quelli della compagnia telefonica per farmi passare ad un nuovo operatore.

Perciò, non siete voi il problema, non è il vostro CV, e tanto meno le vostre competenze.

Il problema è il gap che c’è nel mondo del lavoro tradizionale.

Noi stiamo provando a creare qualcosa di nuovo, di alternativo, che vi permetta di lavorare SOLO in base alle vostre competenze, e se anche solo una persona li fuori riuscirà a beneficiare di questo, per noi sarà una vittoria.

Stay tuned.

lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email