fbpx
SaaS

Il modello SaaS (software as a service) si basa sull’offrire all’utente la possibilità di utilizzare un software sotto forma di un servizio modulabile.

Per utilizzare diversi servizi, l’utente non deve più possedere localmente specifici strumenti, ma può connettersi ad applicazioni basate sul cloud utilizzandole in base alle sue necessità.

In pratica, l’applicazione non viene comprata, ma noleggiata ed utilizzata solamente quando necessario collegandosi tramite internet.

I vantaggi?

Il modello SaaS offre una soluzione completa e sempre aggiornata, acquistabile da provider di servizi cloud a pagamento, e pagandola in base al consumo effettivo.

Saas: alcuni esempi

Parlare di SaaS può sembrare lontano da noi, ma si tratta di una formula ormai di uso comune in moltissimi ambiti e funzioni.

Per darne un idea, basta scorrere una breve lista dei principali strumenti che utilizzano questo sistema.

Servizi di archiviazione dati in cloud

Una volta gli uffici avevano archivi che potevano occupare intere stanze.

Agli inizi della diffusione dei computer, i server interni rappresentavano investimenti onerosi e le macchine erano di grandi dimensioni.

Ora invece è possibile ottenere spazi di archiviazione praticamente illimitati, accessibili direttamente dal nostro PC, grazie ai servizi di cloud storage.

Alcuni dei più famosi servizi di archiviazione basati su modelli SaaS sono:

Software CRM

CRM sta per Costumer Relationship Management e non è un programma né un software.

Si tratta della strategia messa in atto dalle aziende per gestire tutti i rapporti e le interazioni con i clienti potenziali ed esistenti.

Per avere tutti gli strumenti di cui si potrebbe aver bisogno per “coltivare” queste relazioni, il modello SaaS ci viene incontro con piattaforme che offrono in un unico ambiente servizi come reportistica, gestione mailing list, sale riunioni virtuali e statistiche andamento vendite.

Alcuni esempi di software CRM sono:

E-mail Marketing

Molte piattaforme offrono servizi per organizzare i propri contatti in mailing list suddivise per categorie e poter inviare un messaggio che risulti personalizzato per ciascuno.

Piattaforme come Mailchimp ed ActiveCampaign consentono di impostare un layout e di inviare messaggi (tipicamente le newsletter aziendali) ad un cospicuo numero di contatti.

Gestionali

Con l’abbonamento a suite come Oracle o Microsoft 365 si possono utilizzare tutti i programmi del “pacchetto” (basti pensare ad Office o Outlook ad esempio) su diversi dispositivi e si può gestire l’abbonamento in base alle persone che utilizzeranno quell’ambiente.

Il successo del modello SaaS

La nascita e crescita di molte realtà che offrono servizi al cliente con questa formula è ormai consolidata.

Si è passati sempre di più da una logica “di prodotto” ad una logica “di servizio”.

L’idea alla base di tutte queste soluzioni è semplice: non serve acquistare un prodotto che poi potrebbe non risultare più aderente alle proprie necessità. È insomma meglio acquistare un servizio in abbonamento che sia utile esattamente quando serve, adeguandosi alle esigenze dell’utente.

Se il modello SaaS è nato dalle piattaforme web ed è stato applicato con successo a diverse funzioni, ecco che lo stesso modello ben si interfaccia anche con un’altra esigenza: la formazione.

Learning as a Service: la rivoluzione della formazione

Per moltissime aziende e professionisti, la formazione aziendale è ormai cruciale per rimanere competitivi.

La sfida che aziende e professionisti incontrano oggi è accedere alle competenze di cui hanno bisogno esattamente nel momento in cui ci servono. Il tutto possibilmente rendendo il processo di apprendimento semplice, efficace ed interattivo.

Nel panorama di questo nuovo paradigma ci sono varie soluzioni proposte:

  • pillole video
  • convegni smart
  • piattaforme di contenuti multimediali con bacheche personalizzabili
  • sessioni di formazione personalizzata tramite videochiamate con un Esperto

Su quest’ultimo modello nasce il servizio di /BeyondTheBox: con un unico abbonamento l’utente potrà esprimere la propria esigenza di formazione, da qui l’intelligenza artificiale provvederà a creare il “match perfetto” con le competenze dell’Esperto più adatto ed ecco che, con una semplice videochiamata, l’utente potrà chiarire ogni dubbio grazie all’interazione con una persona che potrà fornire un aiuto concreto e personalizzato.


La consulenza costa, la formazione richiede tempo: c’è un’alternativa per acquisire competenze.

Uno strumento flessibile nell’utilizzo e prevedibile nei costi, per integrare in azienda le competenze necessarie ad innovare e far crescere il business.
Prenota una call con la nostra CEO Aleksandra Maravic e scopri come /BeyondTheBox può essere utile alla tua impresa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su telegram
Condividi su digg
Condividi su pocket